In questo articolo si parla di:

PrimaLoft, Inc., ha pubblicato il Primo Rapporto Relentlessly Responsible che mette in evidenza gli importanti risultati degli ultimi anni, con giusta enfasi al 2021, e si sofferma sulla visione di PrimaLoft per il futuro.

Al centro di questo resoconto, il focus principale continua ad essere la riduzione dell’impatto ambientale tramite l’utilizzo continuo di materiali riciclati, la progettazione per la circolarità, la riduzione di carbonio e lo sviluppo di tecnologie che utilizzano materie prime non basate sul petrolio: tutto ciò continuando a elevare le prestazioni dei singoli prodotti.

Mike Joyce, presidente e ceo di PrimaLoft:

“Negli ultimi cinque anni, la nostra azione verso innovazione, sostenibilità e le prestazioni si è caricata di uno preciso scopo: liberare il pieno potenziale delle persone, dei prodotti e dello stesso Pianeta, insieme in armonia. Questa dichiarazione funge da vera direzione: ci aiuta a dare una direzione in tutti gli aspetti della nostra attività. Si manifesta attraverso il nostro approccio sostenibile a prodotti, processi e materiali. Anche se nessuno può risolvere i molti problemi che il nostro pianeta deve affrontare, ogni piccolo o grande gesto aiuta nella missione finale”.

Negli ultimi anni, PrimaLoft ha compiuto importanti passi verso la decarbonizzazione, con sforzi concertati in ogni area del business. Alcuni sviluppi e dati statistici includono:

Sviluppo del prodotto

• La collaborazione di PrimaLoft con Origin Materials ha raggiunto un traguardo significativo nel 2021: il prodotto della prima fibra di poliestere carbon-neutral adatto all’uso nel settore tessile. L’obiettivo è di avere prototipi di abbigliamento pronti per il 2023.

Produzione

• L’azienda migliora giornalmente la sua rivoluzionaria tecnologia di produzione rinnovabile con PrimaLoft P.U.R.E., e con l’intenzione di ridurre per alcuni prodotti le emissioni di carbonio fino al 95%

Materiali

• Nel 2021, l’uso di materiali riciclati invece del poliestere vergine ha portato ad una riduzione di CO2 del 66%, con risparmio di oltre 6,4 milioni di chilogrammi di CO2