In questo articolo si parla di:

Continuano le conseguenze legate all’attacco russo nei confronti dell’Ucraina e molte aziende prendono provvedimenti scegliendo di chiudere i negozi di proprietà, tra queste anche Helly Hansen, Canada Goose, Under Armour e Puma.

A precedere queste aziende è stata Nike insieme ad altre grandi multinazionali come Netflix, Apple, Lego e IKEA.

Come riporta SGB Media, venerdì 4 marzo Canadian Tire Corporation (CTC) ha annunciato che saranno temporaneamente sospese le operazioni di Helly Hansen in Russia, che includono i negozi al dettaglio, il sito di e-commerce e le spedizioni di prodotti. Il brand gestisce 41 punti vendita e impiega oltre 300 persone sul suolo russo.

“Il conflitto tra Russia e Ucraina è tragico e profondamente preoccupante e la priorità di CTC continuerà a essere quella di proteggere la sicurezza e il benessere dei suoi dipendenti. Durante questa pausa temporanea delle operazioni, i dipendenti del negozio saranno comunque  pagati e supportati e l’azienda continuerà a onorare i propri obblighi commerciali”, ha affermato CTC.

Canadian Tire sta anche facendo una donazione di $ 200.000 all’appello della Croce Rossa contro la crisi umanitaria in Ucraina. L’azienda sta inoltre impegnando fino a $ 500.000 a sostegno delle migliaia di rifugiati che arriveranno in Canada. Inoltre, i punti vendita di CTC in tutto il paese raccoglieranno donazioni per l’appello della stessa Croce Rossa.

Anche Canada Goose si è mosso in tal senso e ha dichiarato il 2 marzo di aver deciso di sospendere tutte le vendite all’ingrosso ed e-commerce in Russia. Attraverso il Canada Goose Response Program, il marchio sta inoltre donando $ 100.000 CAD all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), che sta guidando gli sforzi umanitari globali nella regione.

La società ha dichiarato: “Canada Goose è profondamente preoccupata per il conflitto in corso in Ucraina. Siamo con tutti coloro che sono stati colpiti dalla violenza. Stiamo sostenendo gli sforzi umanitari, fornendo aiuti per affrontare la crisi dei rifugiati e intraprendendo ulteriori azioni”.

“Come il resto del mondo, siamo scioccati e rattristati dall’attacco della Russia all’Ucraina. In Under Armour, uno dei nostri valori è Stand for Equality. Crediamo nel potere della democrazia, e lo sport di squadra lo è per eccellenza. Collaboriamo con gruppi umanitari per fornire ciò che è necessario agli sfollati e abbiamo anche interrotto tutte le spedizioni nei nostri canali di vendita in Russia. Siamo orgogliosi di schierarci con l’Ucraina contro l’attacco della Russia e faremo il possibile come azienda globale per difendere l’uguaglianza “. Queste invece le parole di Under Armour che ha confermato di aver interrotto le spedizioni in Russia.

Anche Puma ha sospeso le operazioni in tutti i suoi negozi in Russia, oltre 100 store;  aveva già interrotto le consegne dopo l’invasione dell’Ucraina.

“Meno del 4% delle entrate dell’azienda tedesca di abbigliamento sportivo proveniva dalla Russia”, ha detto all’AFP una portavoce di Puma, con una cifra globale che raggiungerà i 6,8 miliardi di euro (7,4 miliardi di dollari) nel 2021. “Puma continuerà a pagare l’intero stipendio del nostro dipendenti in più di 100 punti vendita in tutto il Paese”, ha affermato la portavoce.

Adidas, il 1° marzo, ha annunciato la sospensione con effetto immediato della sua partnership con la Federcalcio russa, unendosi a FIFA e UEFA, che hanno sospeso i club e le nazionali russe da tutte le competizioni fino a nuovo avviso.