In questo articolo si parla di:

La nuova telecabina Pila-Couis in Val d’Aosta si pone l’obiettivo di cambiare radicalmente la fruibilità del resort montano e rendere accessibile uno dei punti panoramici più iconici della Val d’Aosta: Cima Couis 1 a 2730 m.s.l.

Il nuovo impianto di risalita è stato presentato lo scorso venerdì 10 dicembre presso il Teatro Splendor di Aosta dal presidente di Pila spa Davide Vuillermoz, dagli assessori regionali Jean Pierre Guichardaz e Luigi Bertschy, e dal Sindaco di Gressan Michel Martinet, il progetto per la nuova telecabina Pila-Couis in Val d’Aosta.

Quello a cui si assiste è l’ideazione di un’opera funiviaria che migliorerà significativamente l’esperienza sportiva per gli sciatori ed i biker di qualsiasi livello ed età, ma al contempo diventerà una vera e propria attrazione turistica internazionale, che renderà la montagna accessibile a chiunque desideri ammirare uno dei panorami più incredibili delle Alpi: dal Monte Bianco, fino al Cervino, il Grivola, il Gran Paradiso e molte altre.

Il progetto vincitore, tramite un bando coordinato dall’Ordine degli Architetti di Bologna e a cui hanno partecipato ben 33 studi di architettura e ingegneria da tutta Europa, è stato realizzato dallo studio di architettura De Carlo – Gualla. L’oggetto del concorso era la progettazione delle stazioni di valle e di monte della cabinovia con annessi centri servizi e ristorante panoramico.

In particolare, la stazione di partenza della Pila-Couis si fonderà con quella di arrivo della Aosta-Pila riqualificando completamente uno dei punti nevralgici del resort.

Il progetto vincitore è prima di ogni cosa un sistema integrato nell’ambiente. Le nuove funivie e le stazioni sono un esempio di architettura e ingegneria d’avanguardia che si pone l’obiettivo di stupire i visitatori con una vista mozzafiato delle montagne oltre i 4.000 mt ma anche attraverso l’uso di materiali e di tecnologie innovative ed attuali, e da un design incredibilmente innovativo per una struttura di alta quota.

La copertura dei costi per la realizzazione dell’opera è stata garantita dal Consiglio Valle a favore di Pila Spa. Il progetto prevede una cabinovia a 10 posti ad ammorsamento automatico in due tronchi che, passando per 2 stazioni intermedie, collegherà la zona di arrivo della esistente telecabina Aosta-Pila con la zona della Platta de Grevon (ovvero Cima Couis 1), sullo spartiacque tra la Conca di Pila e la valle di Cogne.

La stazione di partenza a Pila – tenditrice – a 1.800 metri di altitudine, è posizionata posteriormente alla stazione di arrivo della telecabina Aosta-Pila e presenterà un innovativo centro servizi.

PILA 2023 Stazione di valle

Mentre la stazione di arrivo a monte sulla Cima Couis – motrice – è caratterizzata da un particolare disegno a stella con le punte orientate verso i diversi 4.000 della Valle d’Aosta e conterrà al suo interno anche un bar-ristorante panoramico e servizi per il pubblico.

PILA 2023 Stazione di monte

Con una portata di 2.400 persone all’ora alla velocità di 6 metri al secondo sarà possibile percorrere la lunghezza totale di 3,8 chilometri e un dislivello di 923 metri in 13 minuti. Attualmente per raggiungere Cima Couis da Pila, sci ai piedi, sono necessari 3 impianti ed un tempo complessivo di circa 60 minuti.

PILA 2023 Terrazza panoramica

Nel futuro prossimo questa opera renderà possibile raggiungere uno dei punti panoramici più iconici della Val d’Aosta, a 2.730 metri, partendo direttamente dal centro di Aosta ed impiegando solo 32 minuti per un dislivello di 2.200 mila metri. La nuova telecabina “Pila – Couis” non è solo un’opera funiviaria, ma un’importante infrastruttura che intende costituire, uno dei punti di forza del turismo per Pila, Aosta e per tutta la Regione Valdostana rendendo la montagna ancora più accessibile.

PILA 2023

L’impianto sarà diviso in due tronchi con due stazioni motrici intermedie in località Couis e una stazione intermedia passante in località Gorraz. Sostanzialmente le telecabine sono due: la prima, Pila – Valle Couis 1, con intermedia a Pila Alta Zona Gorraz; la seconda Valle Couis 1 – Monte. Nel caso di intemperie potranno girare autonomamente, permettendo il funzionamento anche solo parziale dell’impianto fino a Valle Couis 1.

Il trasporto di passeggeri è previsto in entrambi i sensi di marcia. Per l’impianto è inoltre previsto l’esercizio notturno.

Il nuovo impianto in numeri:

– portata oraria = 2400 p/h
– velocità di esercizio = 6,00 m/s
– lunghezza totale = 3800 m
– dislivello totale = 923 m
– tempo di percorrenza = 13 min c.a.
– capacità singolo veicolo = 10 posti
– numero veicoli totali =112
– numero totale sostegni di linea = 30
– potenza installata = 1746 kW