In questo articolo si parla di:

Ancora delle novità per quanto riguarda l’accesso alle piste da sci dopo il via libera all’unanimità al Super green pass. La decisione del consiglio dei ministri di adottarlo a partire dai primi giorni di dicembre, modificherà parzialmente anche la situazione relativa agli accessi alle piste.

In sintesi il provvedimento prevede che in zona bianca e gialla per l’accesso agli impianti di sci (funivie, seggiovie, ecc.) serve il semplice green pass. In zona arancione solo chi ha il super green pass, mentre in zona rossa gli impianti sono chiusi anche per chi ha in tasca il green pass rafforzato.

Valido dal 6 dicembre e sino al prossimo 15 gennaio, con possibilità di proroga e una validità di 9 mesi, il SGP diventa necessario, a livello sportivo, per poter fruire dello spettacolo di stadi e palazzetti, ma per lo sci la situazione è leggermente differente.

Si attendono gli ultimi chiarimenti da Palazzo Chigi ma al momento sembra che in zona bianca e in zona gialla sarà sufficiente il green pass “base”, di fatto il tampone, per accedere agli impianti, diventato obbligatorio (dalla data del 6 dicembre) anche per il soggiorno alberghiero.

Il cambiamento sostanziale è in caso di passaggio di regioni (o singoli comuni) a zona arancione, con la possibilità quindi di sciare solo con il Super green pass in corso di validità, mentre in zona rossa tutti gli impianti chiuderanno.