In questo articolo si parla di:

Il 3 novembre per la “giornata per la consapevolezza dello stress“, Fitbit e Istituto Auxologico Italiano uniscono le forze e aiutano a gestire l’ansia per connettersi col proprio benessere. Celebrata a livello mondiale, ha l’obiettivo di consentire una presa di coscienza sempre maggiore circa il proprio stato di salute, imparando a conoscersi meglio per stare bene e prevenire possibili malattie.

Tale approccio è promosso dal brand di sportwatch che ha collaborato con l’Istituto Auxologico Italiano e, in particolare, con la dott.ssa Cecilia Invitti, direttore Laboratorio Sperimentale di Ricerca di Medicina Preventiva e responsabile del Servizio Lifestyle Medicine presso IRCCS Istituto Auxologico Italiano.

“Da quando il concetto di stress è emerso come fenomeno biologico adattivo nel secolo scorso, si è scoperto che la risposta agli stimoli stressanti è elaborata e innescata da un sistema dello stress che integra diverse strutture celebrali, che rilevano minacce reali o potenziali”, ha dichiarato la dott.ssa Invitti. “Se il sistema dello stress non è in grado di superare una domanda estremamente forte o cronica dovuta a persistenti pensieri negativi o ad uno stile di vita scorretto, lo stress può portare a segnali quali stanchezza, ansia, pianto, rabbia, fino a veri problemi fisici tra cui ad esempio tensioni muscolari, cefalea, alterazioni intestinali. Se l’evento stressante rappresenta un meccanismo transitorio nella nostra vita, il primo consiglio è quello di riposare e alleggerire il nostro carico di impegni, in modo da aiutare il nostro organismo a ripristinare le proprie energie. Se invece lo stress diventa una condizione cronica, dobbiamo fare una revisione più profonda delle nostre abitudini di vita, impostando ad esempio valvole di sfogo appropriate ed appaganti, come momenti dedicati allo sport, alla lettura, alla musica, al giardinaggio, a camminate nella natura, alla pratica dello yoga o della Mindfulness“.

Ciò che Fitbit propone è un modo semplice ed intuitivo, tramite un’app, di accedere a tutte quelle informazioni che consentono di capire la situazione del proprio stato di salute: sarà dunque possibile tenere sotto controllo la forma fisica, lo stress, la salute del cuore, il sonno e il benessere.

Product render of Fitbit Morgan, 3QTR view, in Black and Graphite.

Già presente all’interno di alcuni dispositivi, come il  nuovo tracker per fitness e benessere Charge e l’health watch Fitbit Sense, è presente il sensore EDA utile a capire la risposta del corpo ai fattori di stress misurando l’attività elettrodermica (o EDA), grazie ad una scansione di 2 minuti direttamente dal polso.

Una volta rilevati tali parametri l’app chiederà all’utente di indicare il proprio stato d’animo creando, in questo modo, un vero e proprio “diario dello stress” che tiene conto del proprio andamento e dei progressi.

L’app Fitbit consente inoltre di consultare quotidianamente un punteggio di gestione dello stress, per capire meglio in che modo la frequenza cardiaca, il sonno e i livelli di attività influiscono sullo stress e sulla salute generale.

Gli input biometrici rilevati producono punteggio compreso tra 1 e 100 che, più è alto, più alto è, più il nostro livello di stress è sotto controllo. I dati rilevati comprendono:

  • l’equilibrio dello sforzo (impatto dell’attività)
  • la reattività (frequenza cardiaca e sua variabilità e attività elettrodermica dall’app EDA Scan)
  • le tendenze del sonno (qualità del sonno), che producono il punteggio compreso tra 1 e 100: più alto è, più il nostro livello di stress è sotto controllo

Inoltre, a completamento dell’offerta, tutti gli utenti Fitbit hanno a disposizione strumenti come sessioni di mindfulness, yoga, meditazione e sessioni di respirazione guidata, mentre gli utenti Fitbit Premium hanno accesso a un’analisi dettagliata su come viene calcolato il punteggio relativo allo stress, ad una selezione esclusiva di contenuti Calm (in lingua inglese), l’app N. 1 per il sonno e la meditazione, oltre a consigli e programmi personalizzati per raggiungere i propri obiettivi.