In questo articolo si parla di:

A Cà la Luna, Montebelluna, Northwave ha organizzato la première delle proiezioni dei suoi film “Northwave30” e di “Two vans, no plans”, due veri lungometraggi e non i soliti girati snowboard in action fatto di soli salti e trick.

La storia, la fotografia, la musica, i dialoghi e gli “attori” che sono dei campioni dello snow, hanno “suonato” come una vera orchestra diretta da Alex Stewart, nella doppia veste di regista e “team manager” di Northwave con la collaborazione dei due filmer Francesco Zoppei e Tom Christie per dare vita a “Northwave30”.

“Northwave30”

Girato a Salt Lake City, questo lungometraggio ha impiegato 2 anni di lavoro e stupisce per la trama avvincente di un film che racconta di 3 generazioni di riders: il più giovane, JJ Raiward 22 anni, il più “anziano”, Antony Gumbly, 48 anni. Tre differenti generazioni che raccontano, ognuno, un modo di intendere lo snowboard. Il film si chiude con un messaggio decisamente importante: non importa la tua età, non importa la tua provenienza o status, perché al di là di tutto, lo snowboard è la passione che unisce le diverse generazioni e che va oltre qualsiasi ostacolo e barriera.

Un messaggio che può essere riportato in ogni momento della nostra quotidianità, dove inclusione e integrazione sono parole che, aziende come Northwave rendono reali. Northwave30 uscirà in 3 episodi a partire dal 5 novembre. Il secondo e il terzo episodio sono programmati, invece, per la seconda metà di novembre.

“Two vans no plans”

29 minuti girati dalla casa produttrice specializzata in questo genere, Rusty toothbrush”, con la regia e editing di Alex Stewart e volutamente filmato da 3 diverse mani, Federico Grego, Chiaria Grisorio, Vincenzo Scapucci che hanno reso il film ancora più reale e immersivo rispetto alla community dello snow.

E poi tanti atleti da tutto il mondo a sfidarsi in evoluzioni spettacolari: da Alex (New Zeland) a Dusan Kriz (Rep Ceca), Nicolas Bridgman (Italy) e, ancora, la leggenda Simon Gruber (Italy), Jason Anderson (USA), Paola Benito (Spagna), Sophia Schroll (Austria) e i fratelli The Simpson bros.

Al termine delle proiezioni, Ethan Morgan, eclettico rider del team Northwave, si è “trasformato” in dj e aprendo così la festa finale che, di fatto, apre la stagione invernale 2021.

Davide Rossetti, General Manager Northwave commenta la serata: “Il desiderio di tornare in montagna anche in inverno era ed è fortissimo. Nonostante Covid e restrizioni non abbiamo mollato su questo fronte e abbiamo continuato a lavorare perché crediamo fortemente che, comunque vada, ci sarà un ritorno alla possibilità di fare snowboard come in passato. Magari con qualche controllo in più, ma l’importante è poterci andare, cosi come abbiamo fatto durante tutta l’estate nei bike park degli stessi resort con le nostre mountain bike. Per questo amiamo ritrovarci spesso, come questa sera a Montebelluna, in diverse parti del mondo con i consumatori che condividono le nostre stesse passioni”