In questo articolo si parla di:

Si chiama The Dip_Art Edition ed è la seconda serie del progetto editoriale realizzato con a brief glance, il magazine interamente dedicato allo skateboarding.

Risale allo scorso giugno il lancio della prima serie che, come tema principale, ha avuto la musica (un fattore di connessione con il mondo dello skateboard) e ha seguito, in giro per la penisola, alcuni personaggi attivi in queste sfere, descrivendo il percorso che stanno seguendo per esprimere la loro creatività.

Il filo conduttore di questa seconda stagione, che si strutturerà in quattro episodi disponibili online su a brief glance via Youtube, sarà l’arte. I protagonisti saranno differenti a ogni puntata ma avranno il fil rouge dello skateboarding, della creatività e dell’iconica Skate Old Skool di Vans ad accomunarli tutti.

Si tratta infatti della silhouette storica messa a punto dal brand stesso, che vuole supportare i rider e offrire loro tutto ciò di cui hanno bisogno per il massimo della performance. È infatti il prodotto di punta che gli host indosseranno nel corso degli appuntamenti.

L’appuntamento per la messa online della prima puntata di The Dip_Art Edition è stato venerdì 8 ottobre e protagonista è stato Codeczombie, nome d’arte di Alessandro Randi, precursore della scena skate ravennate e italiana fin dalla metà degliAanni ‘80 e fondatore, nel 1987, dello “Scintilla Skatepark” di Ravenna, uno dei primi skatepark costruiti in Italia.

Presente nell’ambito dai primi Anni ’90, Rando, come lo chiamano gli amici, opera nell’ambito grafico, video, fotografico, fumettistico, dei graffiti e pubblicitario, e ha realizzato alcune delle più belle grafiche per lo skater professionista Giorgio Zattoni, con cui è cresciuto proprio andando sulla tavola. L’episodio ne racconta l’evoluzione artistica, la maturazione creativa e, negli ultimi anni, il suo ritrovarsi nel toy design un nuovo filone creativo, che gli permette di realizzare i suoi personaggi in resina con la stampante 3D. Un processo pionieristico a livello mondiale, per il quale ha studiato, sviluppato e costruito personalmente i macchinari necessari e che lo ha portato a collaborare – tra gli altri – anche con Disney Pixar e con la Spoke_Art gallery di San Francisco.

Di seguito il primo episodio di The Dip_Art Edition con Codeczombie come protagonista.