In questo articolo si parla di:

Si chiamerà Milano Santa Giulia Arena il nuovo palazzetto polifunzionale che sarà realizzato a Rogoredo/Morsenchio in occasione delle Olimpiadi 2026. Il progetto, presentato lo scorso 7 settembre presso Officina 22, ha un costo complessivo di 180 milioni di euro e insiste su un lotto edificabile da 50.000 mq.

L’avvio del cantiere è fissato per l’autunno del 2022 e dovrebbe durare tre anni esatti, con inaugurazione prevista per febbraio 2026 con le prime gare di hockey maschile olimpiche. Le operazioni di bonifica dei terreni, invece, sono già iniziate a luglio.

Milano Santa Giulia Arena sarà la più moderna e grande arena polifunzionale d’Italia, con una capacità di 16.000 posti e un’area esterna di oltre 10.000 mq, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Previsti anche lounge e ristoranti. Particolare attenzione riservata all’acustica, che sarà ottimale grazie all’impiego di soluzioni all’avanguardia, e alla visuale, con una distanza massima di 90 metri dal podio.

A occuparsi della progettazione e gestione dell’impianto sarà Cts Eventim, fornitore tedesco tra i leader europei del comparto biglietteria e organizzazione eventi live, già amministratore di palazzetti a Londra, Berlino, Copenhagen e della grande Lnxess Arena di Colonia. Il gruppo continuerà a gestire l’arena anche al termine dei Giochi per organizzare eventi sportivi, d’intrattenimento e spettacoli dal vivo nel numero di 130-200 l’anno.

Dichiarazioni

Alla conferenza stampa è intervenuto il sindaco di Milano Beppe Sala: “Siamo partiti da un territorio da bonificare e abbiamo iniziato un percorso che ci porterà, nei tempi corretti, alle Olimpiadi. I Giochi olimpici saranno la seconda fase di questo progetto, ma poi ce ne sarà anche una terza, vale a dire il post Giochi. E questa partnership con Eventim porta al tavolo professionalità e una grande esperienza. È la migliore garanzia per il futuro, perché spesso abbiamo visto bellissimi casi di spazi splendidi poi dimenticati da Dio. Questo non è più contemporaneo e non sarebbe adatto a una città come Milano”.

Il ceo di Cts Eventim, Klaus-Peter Schulenberg, ha invece spiegato: “Introdurremo un’esperienza di ospitalità molto diversa in Italia, con un’acustica e una logistica ottimizzate. Sarà un luogo di esperienza completamente nuova per artisti e spettatori e una tappa obbligata per tutti i tour più importanti.

(Credits photo © sport.sky.it)