In questo articolo si parla di:

Le Coq Sportif coinvolge i propri atleti in “Impronte“, un progetto per delineare la propria Carta dei Valori che ispira e definisce i suoi atleti come sportivi e come persone.

Quello organizzato dal brand, da sempre sostenitore e promotore degli ideali che caratterizzano lo sport, è un programma che punta sul coinvolgimento dei propri campioni in un processo di riflessione per individuare i valori che per loro stessi contano. “Impronte” è il risultato che accomuna ognuno di loro, uniti nel nome di quei principi che guidano i loro passi.

Tutti infatti hanno sempre sognato di lasciare un’impronta positiva durante la propria carriera e con le proprie esperienze personali.

Il nome del progetto vuole riportare a coloro che, attraverso l’unicità del proprio percorso, scrivono e lasciano un segno nella storia dello sport e della società. Sono emersi così otto valori che rappresentano quanto già vissuto e trasmesso da ogni atleta e che costituiscono inoltre una guida per le loro azioni future:

  • l’inclusione, che ha unito le diverse culture dell’as Velasca e della squadra sudafricana del Soweto Stars, in un’amichevole che ha contribuito a integrare due mondi diversi in un campo di calcio;
  • la motivazione, che ha guidato i sacrifici della nuotatrice Giulia Ghiretti e di Thomas Fabbiano, permettendo loro di raggiungere storici risultati sportivi nei suggestivi palcoscenici delle Paralimpiadi e di Wimbledon;
  • la prossimità, che fa della pallavolista Beatrice Parrocchiale un punto di riferimento e la compagna che tutti vorrebbero nella propria squadra;

a.s. Velasca

  • il rispetto, che rende ogni combattimento di Manuel Lombardo (judo) e Martina Corelli (taekwondo) un momento di competizione sana ed equa;
  • l’orgoglio di Federica Isola (spada) nel perseguire i propri obiettivi e realizzare i propri sogni, tra cui la prima qualificazione olimpica, e l’orgoglio di Marco Di Costanzo nell’aver visto ripagati anni di sacrifici con il bronzo a Rio 2016 nel canottaggio;
  • il rispetto della natura, sulla quale il ciclista Marco Aurelio Fontana disegna con le sue due ruote una delicata impronta e da cui raccoglie l’energia per praticare in armonia il proprio sport;

Lcs Cycling Club

  • la trasmissione del patrimonio del proprio sport che corre da Irma Testa, prima pugile donna italiana qualificata alle Olimpiadi, a Giorgio Malan, giovane promessa del pentathlon moderno;
  • l’emozione disegnata sui volti di Martina Trevisan (tennis) e Jenia Grebennikov (pallavolo) dopo ogni punto segnato e dopo ogni salvataggio riuscito.

Martina Trevisan

Scritta dagli atleti e per gli atleti, la Carta dei Valori di Le Coq Sportif unisce e coinvolge gli ambasciatori del marchio in un impegno comune per lasciare un’impronta positiva e durevole nei loro rispettivi sport. Alcuni degli atleti hanno inoltre preso parte a un progetto video in cui raccontano i valori di cui sono portatori e di quando hanno capito di aver lasciato un’impronta durante il proprio percorso.