In questo articolo si parla di:

Messa in vendita da adidas, Reebok avrebbe già ricevuto un’offerta considerevole da Authentic Brands Group. Secondo il New York Post, il proprietario di marchi tra cui Barney’s, Juicy Couture, Nautica, Nine West e Frye, ha offerto un miliardo di dollari per l’azienda di abbigliamento sportivo.

Tuttavia l’offerta è di gran lunga inferiore ai 3,8 miliardi di dollari, cifra che il colosso tedesco ha sborsato quando ha acquisito Reebok nel 2006.

Il dato è comunque in linea con le valutazioni che gli osservatori stanno facendo da metà febbraio, quando adidas ha ufficializzato il suo desiderio di lunga data di separarsi da Reebok, la cui performance al di sotto delle aspettative è diventata gradualmente problematica per il gruppo, ricordando che il brand americano era stato acquisito per permettere al marchio tedesco di meglio competere con il gigante americano dell’abbigliamento sportivo Nike.

Nel 2020, le vendite di Reebok sono diminuite del 19% a 1,4 miliardi di euro. Ciò corrisponde a meno della metà dei tre miliardi di euro di ricavi generati dal marchio nel 2005, prima della sua acquisizione da parte di adidas.

Sempre più spesso Reebok è stata identificata dagli investitori della società tedesca come uno dei principali ostacoli allo sviluppo del gruppo. adidas aveva già preso in considerazione la vendita del marchio per una somma di 1,7 miliardi di euro nel 2014, con possibili acquirenti all’epoca tra cui un magnate thailandese e fondi di investimento degli Emirati.

All’inizio di questo mese, Reuters ha riferito che adidas si aspettava offerte dai gruppi cinesi come Anta Sports, che ha acquisito Amer Sports, il proprietario dei marchi Salomon e Arc’Teryx, nel 2019, e Li Ning.

Tuttavia le trattative hanno incontrato difficoltà a causa dei recenti boicottaggi cinesi dei marchi occidentali, nel contesto delle controversie sul lavoro forzato nello Xinjiang.

Anche la Cerberus Capital Management, con sede a New York, ha espresso interesse per il marchio.

Né adidas né Authentic Brands hanno negato o risposto alle affermazioni fatte dalla stampa fino a ora.