In questo articolo si parla di:

In occasione dell’Earth Day, l’International Biathlon Union ha annunciato il primo Biathlon Climate Challenge, che vuole essere un modo per collegare uno stile di vita attivo con l’azione climatica.

Tutti i fan e i praticanti del biathlon sono stati chiamati a unirsi a una delle 10 diverse squadre, tutte capitanate da superstar della disciplina, tra cui anche la stella italiana Dorothea Wierer. Gli utenti hanno dovuto tracciare la loro attività fisica in un’app di fitness, che convertirà la distanza che hanno percorso o le calorie che hanno bruciato in alberi piantati da un progetto di riforestazione.

Come partecipare al Biathlon Climate Challenge

  1. Decidere a quale squadra di atleti unirsi
  2. Scaricare l’app Active Giving, partner dell’IBU, per tracciare le proprie attività
  3. Creare un proprio profilo, nella scheda del menu, selezionare “team” e inserite il codice del vostro atleta preferito. Quello di Dorothea è DOROWI.

Conta qualsiasi attività, che si tratti di corsa, ciclismo, escursionismo, trail running o trekking. La cosa importante percorrere chilometri e bruciare calorie.

Una classifica dal vivo sarà visualizzata su biathlonworld.com, in modo che il progresso di ogni squadra possa essere monitorato mentre si combatte per contribuire al maggior numero di alberi.

Il lancio del Biathlon Climate Challenge fa parte della strategia di sostenibilità 2020-2030 dell’IBU che, lanciata lo scorso settembre, impegna l’union ad affrontare le esigenze di sostenibilità in cinque diverse aree: clima, sport, persone, sedi ed eventi, comunicazione e consapevolezza.

Il suo obiettivo climatico è quello di ridurre le emissioni in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima e di essere neutrale come sport, al più tardi entro il 2030.

Come riporta il sito biathlonworld.com queste le parole di Olle Dahlin, presidente dell’IBU:

“Come sport invernale siamo fortemente dipendenti dagli inverni freddi e dalla neve. Pertanto dobbiamo assumerci la nostra responsabilità nella lotta contro il cambiamento climatico. Sponsorizzando il Biathlon Climate Challenge, stiamo sostenendo l’azione per il clima e lo sviluppo sostenibile all’interno della famiglia del biathlon e degli sport invernali. La sfida è un modo divertente per collegare i nostri fan con gli atleti e incoraggiarli a mantenersi fisicamente attivi, con l’ulteriore vantaggio che fa bene all’ambiente. Invitiamo i nostri fan a contribuire attivamente insieme agli atleti per ridurre l’impatto del biathlon sul clima”.

La sfida inizia il 1° maggio 2021 e l’obiettivo è riuscire a piantare 100.000 alberi.

Per l’attuazione della sfida, l’IBU ha collaborato con Active Giving, una piattaforma che converte le attività sportive in finanziamenti per scopi ambientali o sociali. La piantagione degli alberi sarà effettuata da Eden Reforestation Projects, un’organizzazione no profit, la cui missione è quella di fornire un lavoro con un salario equo agli abitanti dei villaggi impoveriti come agenti del ripristino globale delle foreste

I team

  1. Franziska Preuss, GER con il codice FRANZI
  2. Susan Dunklee, USA con il codice SUSAND
  3. Dorothea Wierer, ITA con il codice DOROWI
  4. Regina Oja, EST con il codice REGINA
  5. Olena Pidhrushna, UKR con il codice OLENAP
  6. Emilien Jacquelin, FRA con il codice EMIJAC
  7. Johannes Dale, NOR con il codice JODALE
  8. Jules Burnotte, CAN con il codice JULESB
  9. Sebastian Samuelsson, SWE con il codice SEBSAM
  10. Jakov Fak, SLO con il codice JAKOVF

Fonte: biathlonworld

(Credits photo © Pexels Markus Spiske)