In questo articolo si parla di:

Una campionessa olimpica come consigliere del ministro per le materie turistiche di sport e montagna: è Manuela Di Centa, colei che, con lo sci di fondo, nel 1994 ha portato l’Italia sul gradino più alto del podio a Lillehammer (Norvegia), vincendo una medaglia in ognuna delle gare disputate.

La sua carriera sportiva si concluse quattro anni dopo, dopo l’Olimpiade di Nagano, ma ne iniziò un’altra: divenne infatti presidente della Commissione italiana atleti, appena fondata dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Il 2004 fu l’anno dell’ingresso in politica di Manuela, che si candidò nel 2006 alle elezioni politiche, entrando poi alla Camera dei deputati, sempre con Forza Italia. 

Queste le sue dichiarazioni:

Manuela Di Centa (Photo © Twitter)

“Ringrazio il ministro, sono orgogliosissima e felice. Sono questi due canali di attrazione assai specifici; due ambiti e ambienti che mi appartengono. Lo sport in particolare è un veicolo universale per entrare nelle emozioni di tutti. Il mio impegno è far sì che i grandi eventi sportivi saranno messi a sistema, assieme a tutto ciò che l’Italia riuscirà a organizzare non solo in chiave agonistica ma specialmente in chiave turistica. Guardiamo lontano perché il turismo è una leva strategica per il Paese e verso la diffusione di quella ‘Outdoor Education’ che fa fatica a prendere quota nel Bel Paese”.

“Abbiamo bisogno di mettere in campo tutte le forze che possediamo, in particolare dopo questa pandemia che sta accelerando importanti e radicali processi sociali. Occorre adesso dimostrare che siamo davvero capaci di attrarre ‘visitors’ nel Paese più bello del mondo, verso un turismo sostenibile, che intercetti nuove tipologie di viaggiatori generando un benessere diffuso nelle diverse destinazioni.

(Photo © Facebook)