Donna Moderna lancia #beegreen, un progetto dedicato a sostenibilità e biodiversità. A partire dalla realizzazione di un numero speciale che racconterà di sostenibilità, alla challenge che sfida le lettrici ad adottare stili di vita sostenibili, fino al progetto che darà vita, a Milano, al più grande apiario urbano in Italia.

L’evento

Un progetto questo che, lanciato in formato phygital, si terrà domani 24 marzo alle ore 18.30 presso la Fabbrica dell’Aria (primo progetto di innovazione scientifica e tecnologica che permette di filtrare e purificare l’aria indoor, ideato dallo scienziato di fama internazionale Stefano Mancuso), situata presso l’headquarter meneghino di Green Media Lab.

Durante l’evento dialogheranno in un talk con Stefano Mancuso anche Anna Favella, attrice e sustainable thinker, Alessandro Armillotta, ceo AWorld e Giovanni Storti, attore e attivista green.

La challenge

Successivamente verrà coinvolta la community di Donna Moderna e, attraverso una challenge, utenti e lettrici saranno chiamate ad adottare comportamenti sostenibili con un impatto diretto e misurabile nel risparmio di CO2. A questo scopo Donna Moderna ha siglato una partnership speciale con AWorld.

Grazie a quest’app ogni giorno le utenti potranno partecipare e calcolare la quantità di CO2 risparmiata per ogni comportamento adottato, contribuendo così attivamente all’obiettivo del magazine di una riduzione di almeno 50 tonnellate di CO2 in un mese.

Il progetto di apicultura

Una volta terminata la challenge, Donna Moderna compirà un’azione concreta a sostegno di ambiente e società.

In occasione dell’Earth Day, il prossimo 22 aprile, in collaborazione con Green Island/Alveari Urbani, si darà vita presso Cascina Merlata e i giardini di San Faustino a Milano al più grande progetto italiano di apicoltura urbana, installando 17 arnie di legno, che accoglieranno 17 famiglie di api, dando vita e garantendo la sopravvivenza di oltre 1 milione di api europee.

Un’iniziativa che ha l’obiettivo di promuovere la reintroduzione delle api nei contesti urbani, un passo fondamentale nella valorizzazione della biodiversità e del funzionamento ecosistemico.