In questo articolo si parla di:

#PerChiSuonaLaMontagna, centinaia di adesioni
al flash mob più grande del mondo della neve che si è svolto oggi 5 febbraio 2021 alle ore 10. 

Un’iniziativa che ha unito il mondo della montagna questa mattina, dalla Sicilia alle Alpi. Promossa dalla rivista Sciare Magazine, il flashmob ha visto suonare in contemporanea le campane di tutti i paesi che hanno aderito, per dare un segnale forte di resistenza dei territori, ma allo stesso tempo lanciare un grido d’aiuto in un momento di emergenza così lungo e profondo.

Valeria Ghezzi, presidente di Anef, era presente a San Martino di Castrozza insieme al sindaco Daniele Depaoli e al presidente nazionale AMSI, Maurizio Bonelli, per testimoniare l’unità di tutto il comparto montagna in un momento in cui le incertezze politiche si sommano a una crisi sociale ed economica che dura da troppi mesi e che deve essere tenuta in considerazione per cercare delle soluzioni rapide per aziende e lavoratori, soprattutto quelli stagionali.

La crisi che stiamo vivendo è innanzitutto un danno sul piano sociale per tutte le comunità montane del nostro paese – spiega Valeria Ghezzi che continua –Rischiamo che si spopolino enormi territori che hanno resistito negli anni dopo un lungo lavoro di recupero iniziato nel dopoguerra. La crisi economica, oltre a creare effetti immediati negativi sui lavoratori e le loro famiglie, rischia di avere un impatto irreversibile su interi territori. Per questo chiediamo di non lasciare sole le comunità montane e ci auguriamo che al più presto vengano individuate misure di ristoro per tutti quelli che portano avanti intere famiglie grazie all’economia generata dal lavoro in montagna”.

“Questo inverno caratterizzato dal Covid ha messo a rischio l’economia, la salute, la socialità di tutti i paesi di montagna – ha aggiunto Daniele Depaoli -. La nostra comunità si è riunita con ANEF e AMSI davanti alla chiesa e al suono delle campane per testimoniare la situazione che stiamo vivendo, con tanta neve ma con tantissime difficoltà. Speriamo che i Mondiali dei prossimi giorni segnino il rilancio dell’economia della montagna e la ripartenza per tutte queste località”.Anche ANEF si unisce al flashmob che venerdì 5 febbraio unirà  tutti i lavoratori del comparto montagna, dalla Sicilia alle Alpi. L’hashtag scelto per l’occasione è #PerChiSuonaLaMontagna e vuole rappresentare la voce di un mondo in profonda difficoltà a causa delle restrizioni da coronavirus.