In questo articolo si parla di:

Dietrofront dell’Alto Adige sull’apertura degli impianti il 18 gennaio. In Sudtirolo non ci sarà una via autonoma in merito e dunque la stagione sciistica non inizierà, a dispetto di ciò che aveva annunciato martedì 12 il governatore Arno Kompatscher.

Lo riportano i media altoatesini che vedono nel numero di contagi ancora alti, unito alle difficoltà di spostamento, il motivo della mancata apertura dello sci. A questo si aggiunge il fatto che ora le Regioni alpine stanno spingendo sui ristori.

La decisione di non aprire gli impianti nemmeno per i residenti è stata presa dagli esercenti funiviari altoatesini per evitare il rischio di non ottenere i ristori. In Alto Adige la curva dei contagi resta alta come la pressione sugli ospedali.

Il dietrofront è conseguenza anche della nuova colorazione delle regioni. Anche il Trentino aveva ipotizzato di aprire gli impianti ai residenti, come aveva annunciato l’Assessore al turismo Roberto Failoni sulla sua pagina facebook. Cui però ieri sera il Presidente della provincia di Trento  Maurizio Fugatti aveva replicato:“Prima di parlare di sci bisogna vedere la classificazione del governo e rimanere gialli, quindi fare annunci mi pare poco serio“.