In questo articolo si parla di:

Per promuovere una maggiore tutela e uso sostenibile dell’oceano e delle sue risorse, è stato ideato “Verso la Generazione Oceano”, un’iniziativa lanciata dalle Nazioni Unite che hanno dedicato il decennio 2021-2030 alle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile, per creare una generazione pienamente consapevole dell’importanza dell’oceano per il pianeta e la salute dell’uomo. Come vi avevamo raccontato, l’evento è stato presentato lo scorso 22 ottobre al teatro No’hma di Milano in forma digitale e ha ottenuto un grande successo.

Per questo motivo la commissione oceanografica intergovernativa dell’UNESCO (IOC-UNESCO) ha lanciato un manifesto specifico, precisamente chiamato “Manifesto del Decennio del Mare: verso l’Oceano di cui abbiamo bisogno per il Futuro che vogliamo”, che si rivolge a istituzioni, cittadini e imprese per invitarli a diventare parte attiva delle iniziative che si svolgeranno nei prossimi 10 anni. Oggi più che mai, la ricerca scientifica, la tutela ambientale e la collaborazione tra settori sono elementi chiave per salvaguardare la salute del pianeta e lasciare un mondo migliore alle generazioni che verranno.

Il manifesto si ispira alla parola “oceano”, per cui ogni lettera è legata a un’azione specifica che è in grado di promuovere un cambiamento radicale (Onoro, Contribuisco, Educo, Accessibile, Noi siamo oceano, Onda). Per dargli voce, inoltre, sono state coinvolte cinque persone attente all’ambiente e alla sua salvaguardia, quali la conduttrice e madrina dell’evento Caterina Balivo, l’attore Sergio Muniz, la cantautrice Francesca Michielin, l’attrice Sara Lazzaro e Francesca Santoro, funzionaria della commissione oceanografica e promotrice del Decennio del Mare.

L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Rai per il Sociale, un punto di ascolto che raccoglie iniziative di vario titolo per non dimenticare i settori e le categorie più sensibili. Quello della tutela del mare è un “tema prioritario della linea editoriale della Rai da tempo sulle sue maggiori reti”, afferma il direttore Giovanni Parapini, ma aderendo a questa iniziativa “vogliamo rafforzare il nostro impegno a informare, formare ed educare soprattutto le nuove generazioni alla protezione della loro casa comune”. “Proteggere l’ambiente dipende dal nostro contributo quotidiano e dai nostri comportamenti e lo dobbiamo proteggere per noi e per i nostri figli”, conclude.

Per sottoscrivere il manifesto e contribuire a sollecitare la realizzazione degli obiettivi del Decennio del Mare è sufficiente collegarsi al sito internet dedicato.