In questo articolo si parla di:

Anche la community Wilson Italia del tennis e del padel ha il suo hashtag ed è #WilsonatHome. Influencer, Ambassador, Coach e Juniors in questo periodo di emergenza legato al Covid-19 stanno rigorosamente rispettando le indicazioni ministeriali date. L’entusiasmo e la volontà di manifestare la propria passione però non si arresta, seppur ovviamente confinata all’interno delle singole abitazioni.

Con gli hashtag #WilsonatHome, molti hanno postato il proprio modo di rimanere in forma e in salute senza “abbandonare” lo sport che tanto amano. In attesa del ritorno alla normalità, “ai box” c’è una delle novità più importanti del 2020: la nuova ULTRA v3, terza generazione delle racchette iconiche by Wilson, presentata in anteprima internazionale il 3 marzo 2020.

Completamente ridisegnata per essere la racchetta più versatile del marchio, la Ultra v3 è progettata per giocatrici e giocatori, “solisti” o players in coppia, che desiderano un prodotto che possa rendere semplici ma potenti i colpi, da qualsiasi parte del campo.

Wilson LABS, l’esclusivo Hub per l’innovazione by Wilson, ha lavorato in collaborazione con centinaia di “giocatori Ultra” di tutto il mondo per ridisegnare questa iconica racchetta. Attraverso questo processo, Wilson ha constatato che esistono tre macro tipologie di giocatoriUltra addicted: giocatori classici con un gioco più piatto e orizzontale, giocatori singoli più giovanie giocatori a coppie che, principalmente, cercano di potenziare i loro colpi in campo.

“La racchetta Ultra offre potenza senza sforzo, indipendentemente da dove ti trovi sul campo”.

Ha dichiarato Hans-Martin Reh, general manager, Wilson Racquet Sports. “Nel progettare questa racchetta, volevamo rispondere alla domanda di cosa esattamente un giocatore si aspetta dalla sua racchetta. Dopo aver lavorato con centinaia di giocatori, siamo stati in grado di creare un prodotto che offrisse potenza e stabilità, che erano i due vantaggi chiave di cui i giocatori avevano bisogno, indipendentemente dall’età o se giocavano a tennis da soli o in coppia”.