In questo articolo si parla di:
20 Marzo 2020

Il quartier generale chiude le sue porte insieme alle principali filiali, ma il lavoro continua da casa attraverso smartworking. Questa la direzione intrapresa da Tecnica Group che garantisce un lavoro continuo e una produzione ancora attiva nell’Europa dell’Est.

Serrande abbassate dunque a Giavera del Montello (TV) ma con un grande obiettivo: proteggere la salute e tornare il prima possibile alla normalità. Spiega l’ad Antonio Dus: “Il nostro primo dovere è proteggere la salute dei nostri dipendenti e delle loro famiglie. Finora abbiamo messo in atto tutti i protocolli di sicurezza richiesti in azienda, ma pensiamo che per contribuire alla riduzione del contagio sia necessario un passo in più. Abbiamo attivato anche per tutti i dipendenti una polizza assicurativa per i rischi da Covid-19, che, anche se non li protegge dal virus, li possa comunque aiutare in una eventuale situazione di difficoltà”.

Da queste valutazioni è arrivata la decisione di chiudere il quartier generale così come la sede americana, francese, austriaca e svizzera. Sono invece ancora aperti e funzionanti i siti produttivi dell’Europa Orientale (Ungheria, Ucraina e Slovacchia) dove attualmente è ancora possibile lavorare in sicurezza.

“Siamo un gruppo internazionale e questo, se da un lato rende molto complesso adattarsi alle politiche dei singoli Paesi, ci offre per fortuna la possibilità di lavorare normalmente dove è ancora consentito dalla situazione sanitaria.”

L’azienda ha attivato per la maggioranza dei suoi dipendenti diverse forme di smartworking così da portare avanti le attività in remoto. Grazie a questo il customer service, il reparto vendite e le attività di marketing e dirigenziali sono regolarmente attive, così come tutto il reparto Ricerca & Sviluppo, che sta lavorando alle nuove collezioni 2022. Nel frattempo, ogni brand del Gruppo (Tecnica, Nordica, Blizzard, Lowa, Moon Boot e Rollerblade) continuerà anche a raccontarsi e dialogare con la propria community attraverso i social network.

“Reagiamo a una situazione la cui evoluzione è imprevedibile, ma al tempo stesso guardiamo al futuro non immediato e vogliamo essere pronti per ripartire di slancio quando la situazione ce lo consentirà.”