In questo articolo si parla di:

Nasce una collaborazione che, a vederla da fuori, sembrava inevitabile: ovvero quella tra Atomic e l’ex azzurro dello sci Werner Heel le cui storie paiono legate in modo indissolubile. Lo scorso martedì 28 gennaio è stato formalizzato l’ingresso dell’altoatesino nel Team Atomic e questo vuol dire che l’altotesino diventa il punto di riferimento per quanto riguarda il mondo Racing in Italia.

Suo compito sarà quello di organizzare il Piano Racing Nazionale e Internazionale, ma anche occuparsi della strategia di sviluppo delle Scuole Italiane Sci Atomic. Non solo. Heel è il punto riferimento per tutta l’attività di supporto dell’Ambassador Atomic Team, degli Atomic Performance Center e avrà inoltre l’importante compito di gestione dei rapporti con Allenatori e Istruttori Nazionali.

Per capire di chi stiamo parlando dobbiamo guardare al recente passato in cui Werner Heel, ha partecipato a ben 204 gare di Coppa del Mondo, per la precisione 115 DH, 66 Super-G, 17 Combinata, 4 in GS, 1 in SL e City Event, con 10 podi, di cui 3 vittorie, 1 secondo posto e 6 terzi posti.

Da parte sua, Emilio Fontana, market manager Italia e brand manager South ha dichiarato: “Atomic ha da sempre coltivato la capacità di crescere insieme ai suoi atleti e loro con lei. Lo ha fatto condividendone gli obbiettivi e la sincera passione e determinazione necessaria per raggiungerli. Ne sono un ottimo esempio lo stesso Werner e altri straordinari talenti, come Sofia Goggia e Peter Fill, cresciuti con Atomic e ora fonte di ispirazione per altri atleti. L’ingresso di Werner nel Team è un cambio di passo importante per aiutare i giovani a crescere approfittando di esperienza, materiali e competenze che Werner e il Team Atomic insieme sono in grado di fornire. A lui va il mio personale ringraziamento per quanto ha fatto come atleta Atomic e per la passione con cui affronta il suo nuovo ruolo”.

Il legame tra Atomic e Werner Heel (classe 1982) risale a diversi anni fa, al via della sua carriera agonistica, quando da bambino cominciava a fare intravedere il suo talento e la sua voglia di emergere.