In questo articolo si parla di:

La squadra capitolina Virtus lancia il suo progetto di equity crowdfounding, in occasione del suo sessantesimo anniversario. L’idea non è solo quella di raccogliere fondi per la società, ma di rendere la Virtus uno snodo sociale importante sul territorio di Roma capitale.

Infatti la società a descritto molto precisamente, non solo gli obiettivi agonistici, che pongono nel mirino la volontà di giocare ai massimi livelli sia in Italia sia in Europa, ma anche le iniziative rivolte alla sua community. Tra i progetti più interessanti quello di costruire “Casa Virtus” un’importante sport hub in grado di trasmettere nuovi modelli di socialità basati sui valori dello sport e della sostenibilità.


Il gioco del basket come catalizzatore sociale, nel piano di sviluppo societario sono previste collaborazioni solidali e sviluppo di formule di basket integrato, geolocalizzazione dei playground cittadini e promozioni in target, organizzazione di eventi nelle periferie in collaborazione con gli enti sportivi e sociali e non meno importante, la partecipazione degli atleti a giornate dedicate allo sport.

Mentre sul lato finanziario verrà data alla fan base la possibilità di partecipare al capitale sociale, saranno attuate azioni commerciali volte alla valorizzazione del brand virtus, saranno create linee di merchandising e sarà creata una piattaforma b2b per sponsor e partner.

Dal 1° gennaio fino al 29 febbraio 2020 attraverso la piattaforma web The Best Equity, sarà possibile acquisire delle quote sociali del club capitolino. Si parte da un valore base di 230 euro per quota fino, per la tranche A, a 4.999; dai 5.000 ai 14.999 per la B, oltre i 15.000 per la C. Queste partecipazini daranno accesso a benefit di diverso genere modulati a seconda dell’investimento.