In questo articolo si parla di:
17 Dicembre 2019

L’azienda della Val di Fiemme è stata premiata a Milano, presso il Centro Svizzero, lo scorso 29 novembre. Giunto alla nona edizione, “Di padre in figlio” (questo il nome del premio), ha visto alternarsi sul palcoscenico un ampio e variegato numero di imprenditori delle aziende “Family Owned” italiane. Quarantasette i finalisti che si sono giocati un posto sul palco e tra questi anche La Sportiva, che è stata insignita del premio per l’internazionalizzazione. Il premio, così è stato spiegato, è dedicato al passaggio generazionale in aziende a forte presenza sui mercati esteri, capaci di distinguersi sullo scenario globale senza perdere l’anima e la ownership data dalla gestione famigliare.

Tra i fattori di successo comuni a molti dei vincitori riconosciuti dalla giuria, vanno citati: l’introduzione di importanti innovazioni e profondi cambiamenti da parte della nuova generazione al comando, la struttura organizzativa aperta a membri esterni alla famiglia, la valorizzazione dei valori famigliari e della storia imprenditoriale dell’azienda.

Fondamentale anche l’aspetto delle quote rosa che caratterizza anche La Sportiva grazie all’entrata nel consiglio direttivo di Giulia Delladio, responsabile marketing strategico e figlia del CEO Lorenzo Delladio. Nelle PMI italiane il passaggio generazionale in rosa, è raddoppiato negli ultimi 3 anni ed è caratterizzato come accade per l’azienda della Valle di Fiemme che ha di recente pubblicato la nuova edizione del suo bilancio di sostenibilità, da una maggiore attenzione all’ambientale ed al contesto sociale.

“E’ un riconoscimento davvero importante per la nostra Famiglia intesa come quella La Sportiva di cui fa parte ognuno dei nostri 360 collaboratori di oggi. – dichiara Giulia Delladio – In questo momento in azienda convivono in armonia la generazione di Lorenzo che ha aperto le strade all’internazionalizzazione con intuizioni di prodotto fondamentali per chi va in montagna e la generazione che sta lavorando per trasformare la cultura calzaturiera costruita in 90 anni di storia, in quella di un brand capace di accogliere le nuove sfide globali. Si tratta della ricerca costante di un equilibrio dinamico tra tradizione e mantenimento dei valori che ci caratterizzano da un lato ed innovazione e sguardo rivolto al futuro dall’altro.”