In questo articolo si parla di:

Gianpietro Ghedina, Sindaco di Cortina d’Ampezzo, è stato insignito del prestigioso premio del Collare d’oro assieme al Governatore del Veneto Luca Zaia, al Sindaco di Milano Beppe Sala e al Governatore della Lombardia Attilio Fontana.

Quella che è andata in scena al foro italico è stata una vera e propria festa per celebrare lo sport nella sua dimensione vincente. Sul palco campioni, storie e successi che hanno promosso l’immagine migliore del Paese nel mondo.

Due ore di spettacolo, onorate dalla partecipazione del presidente del consiglio, Giuseppe Conte, che ha consegnato i Collari agli insigniti. Sul palco con lui il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, il presidente del CONI, Giovanni Malagò e il presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli.

“Ho avuto oggi l’onore di ricevere la massima onorificenza del CONI, il Collare d’oro” ha dichiarato Gianpietro Ghedina. “È il riconoscimento a noi amministratori per aver creduto, fortemente voluto e conquistato le Olimpiadi di Milano Cortina 2026. Come ha detto Giovanni Malagò: ‘La vittoria di Milano-Cortina 2026 è stata il capolavoro dello sport italiano’. Lo dedico e lo condivido con la mia Comunità di Cortina d’Ampezzo”.

ph. Mezzelani GMT

La settimana scorsa, martedì 10 dicembre all’Orientation Seminar di Milano, Gianpietro Ghedina aveva infatti affermato: “Il sogno olimpico è dentro ciascuno di noi e per chi abita in montagna è strettamente legato alla neve e al ghiaccio, con cui conviviamo per buona parte dell’anno. A giugno questo sogno è divenuto realtà grazie a una squadra molto affiatata che ha contribuito a riportare le Olimpiadi a Cortina a 70 anni dai Giochi invernali del 1956“: queste parole hanno aperto anche l’intervento a Roma, durante la cerimonia di consegna al Foro Italico.

Orgoglioso il discorso di apertura di Malagò, che ha ricordato i successi sportivi del 2019, sottolineando la valenza del successo di Milano Cortina. “Oggi è giorno di festa dello sport italiano, unito in un’unica celebrazione fra olimpici e paralimpici. Io e Luca Pancalli siamo due facce della stessa medaglia e quando c’è da fare squadra per difendere il prestigio del Paese siamo uniti qui, senza distinzione. Grazie al Presidente del Consiglio Conte per la sua presenza: proprio la sua fiducia accordata al CONI e il suo intervento in quei giorni sono stati decisivi nell’assegnazione dei Giochi Invernali 2026 a Milano-Cortina, così come quelli dei presidenti di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia, e dei sindaci di Milano e Cortina, Giuseppe Sala e Gianpietro Ghedina, insigniti anch’essi oggi del collare d’oro. Aver ottenuto le Olimpiadi invernali del 2026 con Milano-Cortina è un capolavoro nella storia dello sport italiano”.