8 novembre 2019 – Burton ha annunciato che sta diventando una Certified B Corporation, affermandosi quindi come la prima azienda di snowboard a ricevere questa certificazione, che rinforza l’impegno del brand di fare impresa attraverso un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente. Le B Corps, riconosciute come gold standard del business responsabile, si impegnano a mantenere i più alti livelli sociali e ambientali.

Il marchio sportivo ha ottenuto la prestigiosa certificazione dopo aver partecipato al processo di B Impact Assessment che ha valutato ogni singolo aspetto che l’azienda porta avanti: dalle operazioni e il modello di business che impattano sui lavoratori alla community, dalla catena di fornitori esterni fino ad arrivare ai benefit per i dipendenti del brand e alle azioni di beneficenza che vengono attuate.

Un traguardo che è stato commentato da Donna Carpenter, co-ceo del brand: “Burton, oltre a occuparsi di snowboard, si pone sempre ulteriori obiettivi. I nostri valori in relazione alla sostenibilità, alle community e alla leadership femminile sono parte integrante della nostra identità come pionieri dello sport. Ora più che mai, le aziende devono farsi avanti e parlare dei problemi che impattano sul mondo e che coinvolgono tutti. Siamo quindi tutti molto orgogliosi di unirci alla comunità di B Corp, che condivide il nostro stesso impegno per raggiungere gli obiettivi sopra citati, all’interno di un piano di business strutturato”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il pensiero di Andy Fyfe, B Lab, Community Growth + Activation: “Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Burton nella famiglia globale delle B Corporations, non solo per il suo impatto positivo come azienda, ma anche per la sua dedizione a influenzare gli snowboarder, in tutto il mondo, a utilizzare un modello di business a favore di azioni concrete per migliorare il pianeta. Sta spianando la strada al resto dell’industria dell’outdoor per seguirla su questo importante cammino”.

Sempre relativamente al tema della sostenibilità, va sottolineato il nuovo showroom di B-Factory, il cui fondatore è Pietro Colturi, country manager Burton Italia. Il nuovo spazio dell’agenzia di rappresentanza, attiva dal 1995, si allinea agli standard di sostenibilità dei propri marchi. Situato a Lissone lo showroom, che si estende su una superficie di 550 metri quadri, è stato riprogettato, ottimizzando ambienti e materiali. Oltre ad adempiere alle necessità di raccontare la storia dei propri brand e creare uno spazio emozionante e al contempo funzionale, con il nuovo showroom B-Factory ha raccolto il guanto di sfida dettato dall’esigenza di una sempre maggiore sostenibilità ambientale. Lo ha fatto partendo dall’utilizzo di materiali riciclati e di energia rinnovabile.