In questo articolo si parla di:

Nike ha recentemente presentato la sua ultima causa contro Skechers USA, accusando il marchio californiano di violare la sua proprietà intellettuale.

Il colosso di Portland ha già presentato quattro cause contro il brand solo negli ultimi cinque anni, includendo rivendicazioni di marchio, abbigliamento commerciale, brevetto di design e, più recentemente, violazione del brevetto di utilità.

A differenza dei brevetti di design, che proteggono le caratteristiche estetiche di un prodotto, i brevetti di utilità si riferiscono a elementi funzionali di un’invenzione e tendono a essere più tecnici.

In particolare, Nike chiama in causa due paia di sneaker Skechers – le Skech-Air Jumpin ‘Dots e le scarpe Mega – che sostiene incorporare la tecnologia brevettata Nike, affermando inoltre che la violazione da parte della controparte è stata “intenzionale, intenzionale e deliberata”.

Con questa azione, Nike probabilmente vuole inviare un messaggio ai marchi concorrenti e al settore in generale, continuando a proteggere in modo aggressivo la sua proprietà intellettuale.

E mentre i ricavi di Nike nell’anno fiscale 2019 ammontano a 39,1 miliardi di dollari contro i 5,1 miliardi di dollari della sua avversaria, quest’ultima ha dichiarato di non commentare le cause in corso, ma ha sottolineato la sua vittoria contro Nike all’inizio di questo mese in una causa di violazione del marchio risalente al 2014.

Inoltre, il brand californiano ha pubblicato a metà ottobre un annuncio sul New York Times e sul Los Angeles Times accusando la Nike di essere un “bullo” e usando “le sue vaste risorse per soffocare la concorrenza in aula piuttosto che competere nel mercato.”

La mossa di Skechers arriva dopo che la stessa è venuta a conoscenza che Nike, come si legge sulla pagina di denuncia, starebbe notificando ad alcuni retailer che lo stile di alcune sue sneakers infrange dei brevetti di Nike.

“Per favore – riporta la pagina pubblicitaria – notate che la causa è stata intentata solo recentemente, e contiene solo accuse non dimostrate. Skechers ha nei piani di difendersi con forza e rispondiamo che nessuno di quei modelli infrange i brevetti di Nike. Skechers rispetta la proprietà intellettuale degli altri, ma il nostro ben più grande competitor continua ad usare le sue vaste risorse per portare la competizione nell’aula di tribunale piuttosto che sul mercato”.

In sostanza, Skechers tenta in questo modo di rivolgersi direttamente ai retailer, rassicurandoli che il brand “sosterrà appieno i propri prodotti e certamente difenderà e risarcirà la vostra compagnia se Nike cercherà di bullizzare anche voi”.