In questo articolo si parla di:

È iniziata una nuova stagione NBA e per Stephen Curry ha preso il via con aspettative alle stelle, essendo uno dei favoriti per il titolo di Most Valuable Player (che sarebbe per lui il terzo in carriera) ed essendo il punto di riferimento di una squadra, i Warriors, profondamente rinnovata. Nuovo anno, nuova squadra… e nuove scarpe.

Under Armour ha lanciato le nuove Curry 7, ponendosi l’obiettivo di progettare una scarpa che manterrà il #30 di Golden State in campo per tutta la stagione. Gli infortuni alla caviglia, infatti, sono lo storico “flagello” della point guard e l’obiettivo di questa nuova calzatura è prevenire l’insorgere di ulteriori distorsioni all’articolazione, che è la più esposta per qualsiasi giocatore di pallacanestro.

Curry questa volta è stato coinvolto durante l’intero processo di progettazione, lavorando a quattro mani con il designer Leon Gu per lo sviluppo di un modello che risponda a tutte le esigenze dettate dal suo particolare tipo di gioco: trazione e aderenza al terreno, flessibilità, leggerezza e, come detto, protezione. Oltre, ovviamente, al massimo comfort anche per utilizzi prolungati in allenamento. Le Curry 7 offrono una sensazione di vicinanza al parquet, un elevato livello di grip e un ritorno di energia esplosiva. La collaborazione tra Curry e Gu, poi, ha portato a un risultato innovativo sia nell’aspetto che nella funzionalità del prodotto finale, in particolare per l’unione tra il piatto suola flessibile e la stratificazione semitrasparente. Under Armour ha voluto dare alla sneaker un aspetto futuristico, che evidenziasse la loro nuova tecnologia, ad esempio grazie al materiale esterno sul tallone che fornisce un’espressione del design interno.“La Curry 7 mi aiuta ad essere più esplosivo e potente, e ad avere un tempo di reazione più veloce da terra. È importante per me, come per qualsiasi giocatore di basket alla ricerca del migliore rapporto tra reattività e stabilità”, ha detto Steph.

Rispetto ai precedenti modelli, Under Armour e lo stesso giocatore volevano una scarpa più reattiva, per questo le Curry 7 sono la prima scarpa da basket del brand che combina due tecnologie di ammortizzazione. Si parla, infatti, della prima scarpa Curry con Micro G, dove la schiuma UA HOVR e Micro G restano separati e perfettamente bilanciati dalla piastra flessibile. La combinazione di queste due componenti consente un maggiore sollevamento e ritorno di energia, offrendo vantaggi prestazionali diversi ma ugualmente importanti. Con le Curry 7 si passa dalla trazione radiale alla trazione adattiva, grazie alla scanalatura multidirezionale; infatti, con la schiuma UA HOVR, materiale dinamico, si fornisce il ritorno di energia, mentre con la Micro G, super reattiva, si aiuta l’esplosività dell’atleta in campo. Per la prima volta le Curry portano un vantaggio tecnico utilizzando questa specifica ammortizzazione.

“Come molti giocatori, lavoro sempre sul movimento e sulla fluidità, sulla mia gamma di movimenti e su come posso essere più efficiente con il mio gioco di gambe ed equilibrio”, ha sottolineato il due volte MVP. “La chiave per me quando stavamo costruendo le Curry 7 era la combinazione di ritorno di energia da UA HOVR e reattività sotto i piedi per la velocità sul campo”.

Le Curry 7 mostrano, infine, un cenno ai tre figli di Steph, attraverso tre personaggi che rappresentassero ciascuno di essi: un lupo per Canon, un unicorno per Riley e una farfalla per Ryan.