In questo articolo si parla di:

La tecnologia Futurelight sviluppata da The North Face, un nuovo tessuto in grado di offrire la prima protezione impermeabile e traspirante del suo genere, ha dovuto superare numerosi test prima che il brand cominciasse a produrre articoli che ne facessero uso. Per riuscire nel proprio obiettivo di garantire ai clienti dei prodotti che salvaguardino l’ambiente, e siano al tempo stesso performanti, il marchio americano si è rivolto a UL, un’organizzazione indipendente di terze parti con una vasta esperienza nei test delle prestazioni tessili. UL ha aiutato The North Face a superare i limiti della valutazione dei nuovi indumenti. Per essere sicuri che Futurelight fosse impermeabile e traspirante, UL e The North Face sono andati oltre i normali standard del settore dell’abbigliamento per l’impermeabilità e hanno messo alla prova Futurelight in condizioni impegnative per vigili del fuoco, tecnici medici d’emergenza (EMT) e materiali pericolosi (HazMat).

Il laboratorio UL ha eseguito un test di integrità del liquido, durante il quale una grande quantità di acqua viene spruzzata su un capo d’abbigliamento da varie direzioni per valutare sia le capacità di impermeabilità del tessuto che la costruzione dell’indumento. Per The North Face, UL ha persino esteso i suoi test da 30 minuti a 60 minuti e a una velocità di circa 235 galloni d’acqua all’ora. Gli indumenti Futurelight hanno superato il test e The North Face è stata autorizzata a apporre il marchio di verifica delle dichiarazioni di marketing di UL sui modelli attuali e sui nuovi modelli del prodotto Futurelight testato.

La lunga storia di UL nei test indipendenti e scientificamente fondati è il motivo per cui The North Face si è affidata all’azienda per valutare e convalidare le sue richieste di marketing. L’utilizzo della UL Marketing Claim Verification aiuta a dimostrare ai clienti che un’azienda prende sul serio la responsabilità di dire loro la verità.

I programmi di verifica sono impegni annuali con la possibilità di rinnovo. La ripetizione del test è necessaria in caso di modifiche al processo di produzione, agli impianti che producono il prodotto o ai materiali utilizzati per produrre il prodotto.