In questo articolo si parla di:

Dopo una lunga disputa brevettuale che ha visto contrapposte le due aziende italiane, la Corte d’Appello di Monaco ha dato ragione a Dainese, ribadendo così l’esito raggiunto dal giudizio di primo grado risalente all’agosto 2017. Il contenzioso, dunque, conferma la posizione di Alpinestars, che è stata dichiarata colpevole di aver commercializzato due prodotti che violano la porzione tedesca del brevetto europeo “Dainese EP 2412257B1”.

In virtù di questa sentenza, Alpinestars è stata intimata a interrompere la commercializzazione dei gilet airbag Tech-Air Street e Racing in Germania, ma anche di ritirare dall’intero mercato entrambi i prodotti commercializzati in Germania dal primo luglio 2015 e ancora in possesso dei negozianti tedeschi. Senza dimenticare il risarcimento nei confronti di Dainese.

Le vicenda ha avuto il suo inizio quando la Corte Federale Brevettuale tedesca ha confermato la validità del brevetto Dainese. Decisione che Alpinestars ha poi deciso di impugnare, senza successo, e che ad oggi risulta impugnabile solo di fronte alla Corte Suprema Federale.