In questo articolo si parla di:

Sono positivi gli ultimi dati del mercato degli sport invernali per il nostro Paese, un comparto che dal 3 febbraio farà ampiamente parlare di sé grazie a ISPO Monaco, la fiera più importante di questo segmento a cui parteciperanno 2.800 espositori, di cui 200 italiani. La vendita di sci, scarponi e attacchi nel 2017/18 (sell in) è aumentata del 6% rispetto all’anno precedente, per un totale di 545.812 pezzi venduti. Per quanto riguarda le esportazioni nello Sportsystem, negli ultimi otto anni sono cresciute a un ritmo doppio rispetto alla media nazionale. Non sarà facile replicare le performance della stagione 2017/18, ma i segnali sono sicuramente positivi.

Un quadro generale lo ha fornito Federico De Ponti, presidente di Assosport: “La fotografia del settore è buona, i margini di crescita ci sono tutti. Basti pensare che l’Italia è il secondo paese europeo dopo la Francia per numero di impianti (quarto a livello mondiale) ma, nonostante le numerose strutture, sono circa 4,9 milioni gli sciatori italiani a cui si aggiungono un 35% dall’estero, mediamente un totale di 27 milioni di ski visits (accessi giornalieri agli impianti) all’anno contro i 54 milioni della Francia e i quasi 52 milioni dell’Austria (dati 2018 International Report on Snow & Mountain Tourism)”.

 

Ecco perché eventi di richiamo internazionale come i Mondiali e le Olimpiadi sono la vetrina ideale per promuovere le discipline invernali e incrementare la partecipazione, valorizzando allo stesso tempo il territorio italiano e tutto lo Sportsystem nazionale. Le imprese del comparto stimano che questi eventi possano rappresentare un volano economico, portando una crescita del 10% per i successivi tre anni in grado di rilanciare l’immagine del brand Italia, gli sport invernali e le vendite dell’intero comparto.

Assosport, l’Associazione Italiana dei Produttori di Articoli Sportivi con sede a Treviso, è stata fondata nel 1958 e rappresenta 130 aziende e 350 brand per un fatturato aggregato di 4,5 miliardi di euro e 12.000 addetti (dati 2017). Il 25 ottobre 2018 è stato eletto il nuovo presidente, Federico De Ponti.