In questo articolo si parla di:

Festeggia 70 anni la cultura dello sport “popolare” praticato, discusso, cantato e interpretato “ognuno a sua misura”. Stiamo parlando del mondo Uisp, nato nel 1948 e che quest’anno vuole festeggiare l’importante traguardo con una settimana di appuntamenti che culmineranno sabato 22 settembre 2018 a Bologna.

Parlare di Uisp vuol dire parlare della più grande associazione di sportpertutti in Italia, con 1.300.000 soci e 17.500 società sportive affiliate. E Bologna è l’epicentro di questo mito di fondazione: dal 15 al 18 settembre 1948 si svolsero infatti i primi Campionati nazionali dello sport popolare, nello stadio Comunale, con 2.000 giovani coinvolti provenienti da 39 città.

Una cosa mai vista prima, in nome della voglia di guardare avanti e di partecipare, con tanto entusiasmo per troppo tempo sepolto sotto le macerie del fascismo e della guerra. All’indomani dei Campionati, dal 20 al 23 settembre, al teatro Comunale di Bologna si svolse il primo Congresso nazionale Uisp, con un centinaio di delegati e rappresentanti di società sportive provenienti da tutta Italia.

L’Uisp Emilia Romagna organizzerà un incontro dall’impatto simbolico molto forte: appuntamento alle 9.30 di sabato 22 settembre al Foyer Rossini del teatro Comunale, in piazza Verdi. Una manifestazione con volontari e dirigenti delle società sportive che racconteranno storie significative dallo “sport popolare” allo sportpertutti. Alle 13.30 i riflettori si sposteranno su Fico World Eataly Word, in via Paolo Canali 8, con l’accoglienza dei partecipanti ad un evento che si annuncia multicolore, fatto di riflessioni e attività sportive, video e reading musicali, con giovani e donne protagonisti, come fu per la nascita dell’Uisp.

Mentre nell’arena, alle 14.30 inizieranno le attività organizzate dalle società sportive dell’Uisp Bologna (bibici con persone disabili, calcio e biliardo giovanile, beach volley, balli di gruppo) nello spazio del Centro Congressi di Fico, alle 15.30, prenderà il via l’incontro “Uisp: 70 anni per il futuro. Una storia di uomini e donne, il capitale sociale dello sport”.

Parteciperanno: Stefano Bonaccini, presidente Conferenza delle Regioni; Gianni Gallo, rappresentante Enti di promozione sportiva nella Giunta Coni; Matteo Lepore, assessore sport e cultura Comune di Bologna; Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp; Alessandra Sensini, vicepresidente Coni; Stefano Tassinari, Forum nazionale del terzo settore. E’ in attesa di conferma la presenza di Antonio Decaro, presidente Anci e Simone Valente, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega ai rapporti con il Parlamento. È previsto un video intervento di Fabrizio Barca, Forum Disuguaglianze Diversità. Di tutto quello che succederà sino alle 17.30 è prevista la diretta streaming sul sito internet nazionale uisp.it e sulla pagina Facebook Uisp Nazionale.

“L’Uisp si rinnova e guarda in avanti – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp – l’obiettivo di oggi è coerente con quello di 70 anni fa: allargare la pratica sportiva perché diventi un diritto per tutti, innovare le attività sportive e fare dello spazio sportivo un luogo accogliente e inclusivo per tutti, senza discriminazioni. L’uguaglianza è in gioco e vogliamo fare la nostra parte, attraverso lo sport”.