In questo articolo si parla di:
10 Settembre 2018

La World Surf League ha annunciato che assegnerà lo stesso premio in denaro a atleti di sesso maschile e femminile per ogni evento controllato dalla WSL nella stagione 2019 e oltre, diventando il primo e unico campionato sportivo globale basato negli Stati Uniti, e tra i primi a livello internazionale, a raggiungere l’uguaglianza dal punto di visto retributivo per merito. La WSL è orgogliosa del suo impegno per l’uguaglianza di genere e orgogliosa di unirsi ad altre organizzazioni oltre il mondo dello sport raggiungendo questo importante traguardo.

L’amministratore delegato di WSL Sophie Goldschmidt ha dichiarato: “Questo è un enorme passo in avanti nella nostra strategia pianificata per elevare il surf delle donne e siamo entusiasti di prendere questo impegno mentre riveliamo il nostro nuovo programma 2019. Questo è l’ultimo di una serie di azioni che la Lega si è impegnata a mostrare alle nostre atlete, a competere sulle stesse ondate di qualità degli uomini, a luoghi migliori, a maggiori investimenti e supporto “.

Goldschmidt ha proseguito: “Questo cambiamento è semplicemente la cosa giusta da fare per la WSL e vorremmo ringraziare i molti sostenitori che hanno lavorato per decenni per contribuire al progresso del surf femminile. Vogliamo essere in prima linea nel promuovere l’uguaglianza in tutte le sfere della vita, a partire dalle onde, e ci sentiamo molto fortunati ad avere donne nel nostro tour che sono modelli di riferimento iconici e di grande talento e che meritano questo riconoscimento stare accanto ai nostri straordinari atleti di sesso maschile “.

Stephanie Gilmore, sei volte campionessa del mondo, ha dichiarato: “Questo è incredibile, e sono elettrizzato. Il montepremi è fantastico, ma il messaggio significa ancora di più. Dal momento in cui l’attuale proprietà è stata coinvolta, la situazione per le donne surfiste è stata trasformata in meglio in ogni modo. Siamo stati così riconoscenti, ma questo lo porta ad un altro livello. Spero che questo serva da modello per altri sport, organizzazioni globali e società nel suo complesso. I miei compagni atleti ed io siamo onorati della fiducia in noi e ispirati a premiare questa decisione con livelli di surf sempre più alti “.

Kelly Slater, detentore di 11 campionati del mondo e 55 vittorie negli eventi del campionato, ha dichiarato: “Le donne del tour meritano questo cambiamento. Sono così orgoglioso che il surf stia scegliendo di guidare lo sport in termini di equità e correttezza. Gli atleti WSL sono ugualmente impegnati nel loro mestiere come atleti di sesso maschile e dovrebbero essere pagati allo stesso modo. Il surf è sempre stato uno sport pionieristico, e questo serve da esempio. “