In questo articolo si parla di:
20 Agosto 2018

Continua la crescita di adidas che nel secondo trimestre del 2018 ha registrato un aumento delle vendite pari al 12%. “Abbiamo un altro trimestre forte in cui ha contribuito il successo dei mondiali di calcio, i principali driver della nostra crescita redditizia sono stati ancora le aree strategiche di Nord America, Cina ed e-commerce”, afferma Kasper Rorsted, ceo di adidas, commentando le cifre.

Nonostante l’eliminazione precoce della squadra nazionale tedesca, il Gruppo ama ripensare ai Mondiali in Russia. Adidas ha venduto un totale di otto milioni di maglie – più che mai, ha detto il ceo Kasper Rorsted. Grazie della palla della Coppa del Mondo. Adidas ha venduto dieci milioni di palloni.

Le vendite congiunte dei marchi adidas e Reebok sono cresciute in modo particolarmente forte in Nord America (+16 percento) e Asia-Pacifico (+19 percento), guidate da un aumento del 27 percento in Cina. Mentre adidas continua ad aggiungere Primus Nike al suo mercato interno negli Stati Uniti, la situazione è diversa nel mercato domestico adidas dell’Europa occidentale. Le vendite sono rimaste stazionarie a 1,4 miliardi di euro, con Puma e Nike in crescita recentemente nella regione.

Le attività retail della società (“direct-to-consumer”) hanno registrato una crescita delle vendite a due cifre, principalmente supportata dal canale di vendita e-commerce, dove le vendite sono aumentate del 26%.

In termini di euro, le vendite del secondo trimestre di adidas sono aumentate del 4% a 5,261 miliardi di euro (2017: 5,038 miliardi di euro). “Con questi risultati, restiamo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi per il 2018 nel suo complesso e i nostri obiettivi a lungo termine per il 2020”, afferma Rorsted. Anche il risultato operativo dell’azienda è migliorato sorprendentemente per gli esperti del 17 percento a 592 milioni di euro (2017: 505 milioni di euro).

Le cattive notizie arrivano da Reebok: le vendite del marchio sono calate del 3%.

Adidas conferma quindi le sue previsioni per l’intero anno 2018, per il quale la società continua ad aspettarsi una crescita delle vendite in valuta neutrale di circa il 10%. Ciò sarà trainato da una crescita a due cifre in Nord America e Asia-Pacifico, soprattutto in Cina.

Si prevede che il margine lordo della società aumenterà fino a 0,3 punti percentuali fino al 50,7 percento.