In questo articolo si parla di:
15 Giugno 2018

Sympatex scende in campo e si mette in prima linea nella battaglia di sensibilizzazione per invertire la rotta. E lo fa attraverso una campagna che vuole coinvolgere non solo il consumatore finale, ma anche e soprattutto gli operatori del settore.

Questa campagna verrà lanciata alla fiera OutDoor di Friedrichshafen (17-20 giugno 2018) allo stand di Sympatex (pad. A1, stand 004) e successivamente diffusa su diversi magazine cartacei e piattaforme digitali in modo da raggiungere sia gli operatori del settore che i consumatori a livello nazionale e internazionale.

“In quale mondo vuoi vivere? Il futuro è nelle tue mani”. La nuova campagna di sensibilizzazione Sympatex esorta a invertire la rotta e ritrae due mondi a contrasto: quello devastato dal danno ambientale provocato dall’industria tessile e quello in cui tutti vorremmo vivere.

Ogni anno vengono acquistati 80 miliardi di indumenti, il doppio rispetto a soli 15 anni fa, e si producono 23 miliardi di paia di scarpe. Le emissioni di CO2 dannose all’ambiente provocate dall’industria tessile superano ormai quelle di tutti i trasporti aerei e navali messi insieme, sfiorando ormai il 20%. Entro il 2050 potremmo essere costretti a pagare lo scotto di decenni di ignoranza e passività sul fronte del riciclaggio, quando negli Oceani ci sarà più plastica che pesci.

Partendo da questi fatti inequivocabili, frutto di recenti analisi di settore e dall’esortazione “Fai una scelta di acquisto consapevole e inverti il corso del mondo” la nuova campagna Sympatex vuole informare e sensibilizzare colleghi, brand partner, clienti e consumatori finali e spronarli a invertire la rotta.

La nuova campagna punta sull’effetto shock
Tutte gli scatti pubblicitari della campagna ripropongono lo stesso schema, che fa da filo conduttore e rimane impresso: un’immagine sullo sfondo ritrae senza mezzi termini un mondo in cui nessuno vorrebbe vivere, che è però quanto resterà ai nostri figli se non agiamo subito. Un mondo in cui montagne di plastica, paesaggi erosi, siccità ed estinzione di intere specie sono il conto da pagare per un inquinamento massiccio causato dall’uomo e dal suo sfruttamento inconsiderato delle risorse naturali. Un’altra immagine sovrapposta in primo piano raffigura una persona che contempla lo stesso paesaggio ancora incontaminato, così come vogliamo e possiamo conservarlo, se sceglieremo di ripensare l’abbigliamento in un’ottica di sostenibilità.

“Performance meets Sustainability” è già realtà
Già oggi il consumatore ha la possibilità di scegliere consapevolmente indumenti e calzature prodotti nel rispetto dell’ambiente, riciclati e a impatto neutro sul clima, senza rinunciare alle performance. Sympatex lo ha dimostrato più volte con i suoi progetti “faro” nel corso dell’ultimo anno. Il claim “Il futuro è nelle tue mani” è rappresentato allegoricamente da una mano umana che mostra la fotografia del mondo incontaminato, una vecchia Polaroid, per simboleggiare il passato. Perché se non interveniamo subito tutti quanti a chiudere il ciclo tessile, non solo riducendo la quantità di rifiuti prodotti e di sostanze chimiche utilizzate, ma anche l’impiego di risorse scarseggianti come il petrolio greggio e l’acqua, nonché compensando le emissioni di CO2, una natura come questa rimarrà solo un bel ricordo del passato. Lo scopo è che tutti, dal consumatore finale, al cliente, al brand partner fino al competitor si sentano chiamati in causa dall’esortazione “Join us to close the loop”.