In questo articolo si parla di:

Lunedi 29 gennaio alle ore 12 verrà presentato Expedio Lab 4.0, nel corso di una conferenza stampa. Si tratta di un progetto dell’IIS Primo Levi di Torino finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con la finalità di creare spazi co-working nei quali sperimentare forme di apprendimento informale e di supporto alla nuova imprenditoria nell’indotto sportivo.

Nasce proprio dai ragazzi e dalla scuola questo progetto al fine di poter avere un’offerta che possa dare la possibilità di crescere e avvicinarsi al mondo del lavoro, dell’innovazione, della tecnologia, con strumenti concreti e confronti diretti con chi è già professionista nel settore.

“Siamo fieri di essere i primi in Piemonte – racconta la preside dell’Istituto Anna Rosaria Toma – a creare in un liceo scientifico sportivo un co-working aperto anche a soggetti esterni alla scuola, di ogni genere e fascia di età, con l’obiettivo di sviluppare nuove start up”.

Le ambizioni di Expedio Lab 4.0 sono duplici: sviluppare un programma formativo e di educazione all’imprenditorialità da un lato e dall’altro avviare un programma di sostegno alla nascita a breve/medio termine di nuove realtà imprenditoriali, per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi a vantaggio del mondo sportivo (attrezzature, comunicazione, sicurezza, performance) e della popolazione del territorio (prevenzione, salute, turismo, alimentazione, benessere).

Gianfranco Porqueddu, Presidente del CONI – Comitato Regionale Piemonte sottolinea la valenza del progetto: “l’alternanza scuola-lavoro è un tema che recentemente si è inserito all’interno delle progettualità di responsabilità sociale del CONI e che, soprattutto per gli studenti con profilo sportivo, assume grande rilevanza nel percorso di studi prescelto. L’obiettivo del progetto è quello di creare collegamenti professionali tra le istituzioni scolastiche, il mondo sportivo e quello imprenditoriale per fornire agli atleti un bagaglio di conoscenze utili per la loro futura carriera professionale, in concomitanza e al termine dell’attività sportiva”.

Alla conferenza, testimonial di rilievo che porteranno la propria esperienza saranno inoltre l’olimpionica di sci di fondo Stefania Belmondo, il marciatore Maurizio Damilano, anche lui olimpionico a Mosca e il pallavolista Gianni Lanfranco che con la squadra italiana vinse una medaglia alle Olimpiadi di Los Angeles. Ulteriori testimonianze proverranno da due piccoli campioni, studenti del Primo Levi, Daniele Soranzio, Lega nazionale U19 Hockey su ghiaccio e Beatrice Airola, Primavera F.C. Juventus