In questo articolo si parla di:

Il gruppo francese Kering, che detiene circa l’86% delle quote di capitale di Puma, ha annunciato che proporrà alla sua assemblea generale annuale di distribuire circa il 70% del capitale azionario totale di Puma tra gli azionisti di Kering. Ciò ridurrebbe la partecipazione di Kering a Puma a circa il 16%, con Artémis SA, che è principalmente di proprietà della famiglia Pinault, come nuovo azionista principale.

Allo stesso modo, la transizione aumenterebbe il capitale flottante di Puma dall’attuale 14% a circa il 55%. L’amministratore delegato Bjørn Gulden ha accolto favorevolmente i piani di Kering: “Ci permetterebbe di continuare con la nostra attuale strategia aziendale che ha iniziato a mostrare buoni risultati”, riporta un comunicato stampa diramato da Puma.

Dopo una transazione di successo, Puma sarebbe molto più interessante per gli investitori poiché si prevede che il flottante e il volume degli scambi della quota aumentino significativamente. “Forti basi per un futuro brillante per Puma”

Kering vuole concentrarsi sullo sviluppo dei suoi marchi di lusso – tra cui Gucci, Yves Saint Laurent Paris e Brioni – ha detto l’amministratore delegato François-Henri Pinault: “Siamo orgogliosi di aver supportato il turnaround di Puma”.

L’azienda di articoli sportivi è pronta a “una crescita sostanziale, guidata dal suo talentuoso e appassionato team di gestione. Abbiamo posto solide basi per un futuro brillante per Puma “.