In questo articolo si parla di:

Da sempre attivi e attenti alle novità del settore nuoto, Sport4Trade vuole dedicare spazio ai brand che si stanno
confermando sempre più leader di questo mercato. Abbiamo chiesto a Francesco Della Corte, Manager Watersport Italy, di parlarci di Head Swimming da un punto di vista interno all’azienda e da addetto ai lavori.

Head Swimming ha raggiunto dei risultati eclatanti lo scorso anno nel nuoto. Quali sono stati i risvolti positivi nei confronti del marchio?
Quello che è avvenuto è stato sicuramente un consolidamento del brand Head anche nel difficile mondo del nuoto
a livello nazionale. Questo lo dobbiamo soprattutto al grande successo che hanno riscosso i nuovi prodotti swimming
quali l’occhialino racing Diamond e i nuovi costumi Liquidfire Vx. Ovviamente in azienda e c’è molta attesa nei confronti del feedback del nuovissimo Core, già disponibile. Il consolidamento di cui sopra, lo abbiamo registrato  anche a livello internazionale dove ci siamo contraddistinti soprattutto grazie alla linea Swim run/Triathlon.

Su cosa punta la ricerca per la realizzazione delle linee
per il 2017?
Direi che tessuti, resistenza e immagine rappresentano i tre punti cardine della strategia di Head swimming, non solo per il 2017, ma per i prossimi 5 anni. Occorre sempre tener conto della percezione che il consumatore ha dei prodotti Head più conosciuti, mi riferisco allo sci e al tennis, sinonimo cioè di alte performance e innovazione. Concentrando il focus su una gamma media, punteremo ora, nel campo dell’apparel, su nuove grafiche e tessuti innovativi, tipo il Core, studiati direttamente dalla ns. R&D.

Il mercato “piscina” è sempre attivo?
Sebbene questo mercato non costituisca per noi il core-businness, non si può prescindere da questo mondo. Soprattutto quello che riguarda le realtà dove esistono delle forti connotazioni agonistiche (squadre a livello assoluto) necessarie per il riconoscimento dei prodotti racing.

Come si relaziona il marchio Head con un ventaglio sempre più ampio delle attività di fitness in acqua?
Gran parte delle nostre linee di prodotto tra cui costumi e accessori possono essere dedicate a questo settore. Per il
futuro prevediamo pochi accessori, ma di prestigio.

Il nuoto in acque libere è un’attività in espansione. Con quali proposte pensate di avvicinare al vostro brand il nuotatore amatoriale di questa disciplina?
Abbiamo pensato anche al neofita e di conseguenza al nuotatore amatoriale, con nuove proposte sia nella gamma
mute sia nel tradizionale costume acque libere, tra l’altro già approvato Cmas oltre che Fina.

Progetti particolari all’orizzonte?
Negli ultimi 2 anni, abbiamo allargato in maniera notevole la gamma dei prodotti. Quello che dobbiamo fare ora è raccogliere i risultati in termini d’incremento del market share e dei volumi.

Per quanto riguarda le strategie di comunicazione, invece?
Punteremo a mantenere le attuali strategie di marketing, con una maggiore attenzione al consumer e all’informazione programmata, sui prodotti, sulle promozioni e sulla gamma head swimming.

www.head.com/sports/swimming